fbpx

Faq – Domande e Risposte

Se hai delle domande da farmi per quel che riguarda il mio settore di competenza sarò ben felice di risponderti, se poi non ti è chiaro quale sia il mio settore di competenza cerca tra le domande che troverai sicuramente la risposta.

Qual’è il tuo settore di competenza? Mi occupo di consulenza Marketing e Comunicazione visiva, in pratica offre la mia conoscenza ai clienti che hanno prodotti o servizi da vendere, grazie al Marketing li aiuto a trovare la migliore strategia per vendere i loro prodotti/servizi, con la Comunicazione visiva poi trasporto la strategia sul contesto visivo, utilizzando quindi immagini e grafiche per fare promozione.

Che cos’è il Marketing? Il Marketing è una vera e propria scienza che studia il miglior modo di vendere qualcosa, analizzando il mercato in generale, i bisogni delle persone, i contesti in cui il prodotto è inserito ed altro ancora, è il punto di partenza per ogni pubblicità o promozione nonché di iniziative come eventi, lanci di prodotti ed altro ancora.

Che cos’è la comunicazione visiva? Come dice la parola stessa, la comunicazione visiva è un settore della comunicazione che usa strumenti visivi come foto, immagini, grafiche, video, font e colori per comunicare dei concetti specifici.

Che cos’è Better Call Boris? BCB nasce come una rubrica, per spiegare la mia professione, di cui tanto si sente parlare e poco si sa in realtà; il nome si ispira a Better Call Saul, la serie spinoff di Breaking Bad, dove l’avvocato protagonista intimava i suoi clienti a chiamarlo per risolvere i loro problemi…e considerando la sua clientela media i problemi erano veramente PROBLEMI. Con le mie conoscenze posso aiutare ogni tipo di azienda, perché conosco le dinamiche del mercato, non della professione specifica, lascio che il cliente si concentri sul far bene il suo lavoro e gli indico le giuste decisioni da prendere in ottica di posizionamento. Poi BCB racconta la mia vita, quello che mi accade, ogni spunto è buono per fare un video, un post…oppure un libro.

Cosa significa ODA? Mi sono ispirato ad Eiichiro ODA, autore del manga One Piece, a cui sono molto appassionato, questo nome e questo marchio nascono in un periodo della mia vita dove per diverse ragioni ho maturato un forte cambiamento, sono andato alla scoperta di me stesso, ed anche se per molti può sembrare infantile, mi sono riscoperto molto nel mondo dei manga e del “giapponese” in generale, cultura che vivo da anni proprio attraverso i manga, gli anime e la filosofia buddista. ODA però vuol dire anche altro, è l’acronimo di Organize Develope Analyze; questo è il nostro approccio marketing, Analizziamo il brand ed individuiamo tutti i fattori necessari per istruire la campagna di comunicazione, Sviluppiamo il progetto di pari passo con il cliente e poi analizziamo i risultati nel breve e nel lungo periodo, imparando dagli errori e cercando di interpretare al meglio i dati emersi, in modo da migliorare sempre di più l’approccio e portare in Goal gli obiettivi prefissati.

Come funziona il metodo ODA? Il marketing e la comunicazione visiva sono un professione nelle professioni, come consulente infatti mi trovo spesso a districarmi con le dinamiche di mille attività differenti in settori differenti, dal turismo al food alla consulenza all’assistenza eccetera. Ovviamente io non ne so nulla della specifica professione che vado a supportare, in questo mi faccio aiutare dal cliente, seguendo il metodo ODA trasportiamo in ottica di marketing la situazione del brand (visibilità, strategie preesistenti, target, obiettivi eccetera) Organizzando così una strategia che corrisponda alle nostre esigenze, poi Sviluppiamo (Develope) il tutto, organizzandoci per la creazione dei contenuti, e la pubblicazione sulle piattaforme prescelte, infini Analiziamo i risultati e li confrontiamo con le aspettative per individuare eventuali problemi e risolverli. In questo modo si affina il tiro sempre di più, migliorando i risultati delle varie campagne pubblicitarie e di conseguenza raggiungendo gli obiettivi.

Che cos’è lo Zen Marketing? Nasce fondamentalmente da un’esigenza: mettere in primo piano il benessere dell’azienda ma soprattutto delle persone che ci lavorano. Lo Zen Marketing unisce principi buddisti e teorie di marketing, il buddismo infatti, è applicabile ad ogni aspetto della nostra vita, anche nel mondo del lavoro. Ho improntato questo approccio perché ritengo che oggi come oggi sia sempre più importante incentrare i propri interessi attorno alla felicità, se poi vuoi approfondire questo discorso ti invito a prendere una copia del libro, disponibile su Amazon in formato cartaceo o digitale, clicca qui per il link diretto.

Perché un azienda dovrebbe essere felice e non ricca? Perché la ricchezza è parte della felicità, ma non è tutta la felicità. Nel mondo degli affari ci sono alti e bassi, ci sono difficoltà e traguardi raggiunti, c’è un continua prendere e dare, soffrire e gioire; stabilire una condizione mentale positiva e propositiva permette a noi ed al nostro personale di superare le avversità, di godere dei benefici e di farsi forza a vicenda quando necessario, insomma…se non si è felici non si lavora bene, e se non si lavora bene non si fanno i soldi.

Perché fanno tutti pubblicità sui social media? I social, grazie alla profilazione degli utenti che li popolano, riescono a garantire un pubblico mirato ed un ottimizzazione delle risorse investite in promozione, ad oggi non esiste un mezzo più efficace a parer mio, posso rendere contenuti virali grazie alla condivisione, sono inoltre ideali per la creazione di community.

Perché è importante avere un sito? Un sito è come un negozio o uno studio digitale, è accessibile da ogni parte del mondo 24 ore su 24, è una vetrina, un posto nel mondo del web, un mondo che utilizziamo praticamente tutti ormai, un sito parla di noi e per noi, le persone ci trovano grazie al sito. Inoltre creato e gestito nel modo giusto è la risorsa più affidabile che abbiamo per la generazione di contatti.

Perché è importante avere un marchio? Un marchio è un segno distintivo, per un’azienda o un professionista, avere un marchio è come avere un volto, una fisionomia, immaginate se fossimo tutti uguali, mille nomi diversi ma un solo volto. Il marchio ci fa emergere dalla massa e, associandogli i giusti valori, crea un’identità unica.

Cosa vuol dire “multipiattaforma”? Vuol dire essere presenti, allo stesso modo, su più piattaforme, cioè social media, siti web, blog, ma anche riviste o altro. Oggi l’utente spazia nei vari mezzi di comunicazione, non basta più presidiare una sola piattaforma, le campagna vanno studiate per tutte le piattaforme potenzialmente efficaci.

Quanto conta il supporto del cliente in una campagna gestita da ODA? In una campagna di marketing si forma una squadra tra cliente e consulente, ognuno deve dare il massimo nel proprio campo di competenza, se state pensando che una volta pagato il consulente o il grafico o il social media manager eccetera, il vostro lavoro sia finito vi state sbagliando di grosso. Per noi del settore lavorare senza il supporto del cliente è impossibile, non conosciamo ogni singolo settore, non siamo esperti di altro se non di marketing e comunicazione, il nostro compito infatti è quello di lavorare sul messaggio e sul mezzo di comunicazione.

La pubblicità va intesa come periodo a sè o va interpretata come una comunicazione continua? La pubblicità è parte integrante della comunicazione e la comunicazione deve essere una costante per un’azienda, come la contabilità, la formazione ed altro, sperare di ottenere qualcosa da una pubblicità di una settimana è assurdo.

Come ci si regola per le tempistiche dei lavori e delle campagne? Le campagne si pianificano, quindi tutto il materiale e le scadenze devono essere rispettate, può capitare però che il cliente non riesca a fornire i contenuti in tempo o che il nostro studio abbia un problema tecnico, ma stiamo facendo marketing, non siamo certo chirurghi. La comunicazione deve essere una costante e non può contare su singole uscite, di conseguenza un ritardo non è mai un problema.

Che differenza c’è tra promozione e pubblicità?

L’errore più grande che facciamo nel mondo del business è quello di comunicare con un linguaggio troppo tecnico, un punto di vista distaccato che conosce bene le dinamiche del mercato può aiutarti a capire come sei visto al di fuori, lasciaci i tuoi recapiti e verrai ricontattato per una prima consulenza gratuita e senza impegno. Contact Icon